Turismo: BTO – Buy Tourism Online vola in Europa

L'evento di riferimento su Travel & Innovazione è la Good Practice presentata dalla Toscana nell'ambito del progetto BRAND Tour che ha come obiettivo il miglioramento della capacità di sviluppare il turismo attraverso la promozione, l’innovazione e la diversificazione dell’offerta. Ma anche l’implementazione degli strumenti di policy necessari a sviluppare nuovi prodotti turistici personalizzati che possano soddisfare target emergenti e favorire i flussi turistici inbound verso l’Unione Europea.

Dopo il successo del progetto Valdichiana Living, è la volta di BTO – Buy Tourism Online ad essere presentata, come buona pratica di innovazione dell'offerta turistica, dalla Regione Toscana e da Toscana Promozione Turistica nell’ambito del progetto europeo BrandTour.


Un debutto in Europa, quello di BTO, che avverrà in occasione del quarto evento di formazione del progetto europeo, in programma da domani a Creta e che ha come focus "L'innovazione nel turismo attraverso le sinergie tra pubblico e privato". Tema che calza a pennello ad una realtà come BTO, nata nel 2008 dall’intuizione di un imprenditore a cui si è affiancata, fin da subito, la Regione Toscana.


«Presentare BTO come Good Practice toscana per quanto riguarda turismo&innovazione e la collaborazione tra pubblico e privato è stata quasi una scelta obbligata – ha spiegato il direttore di Toscana Promozione Turistica, Alberto Peruzzini -. Alla base del successo di un simile evento c’è, infatti, la necessità di una presenza, sul territorio, di soggetti pubblici pronti a scommettere sul valore del progetto e sullo sviluppo di un rapporto costruttivo con soggetti privati capaci di realizzare proposte innovative, di rilevanza scientifica e commerciale».


Dedicato al segmento dell’online, alla promozione del web-marketing, alla diffusione dei canali di distribuzione web, alla formazione degli operatori di settore attraverso attività seminariali, BTO rimane ancora oggi un evento unico nel suo genere in Italia per il settore turistico. Un appuntamento che suscita interesse anche a livello europeo, tanto che da ormai 10 anni rappresenta un punto di riferimento e un momento di scambio formativo ed informativo, che coinvolge stakeholder pubblici, privati e i maggiori esperti a livello nazionale ed internazionale del turismo digitale. Oltre ad essere un’occasione per promuovere l’immagine del sistema economico della Toscana che utilizza e divulga la cultura delle nuove tecnologie nel settore turistico.


A conferma del suo successo, dal 2008 ad oggi BTO è stata in grado di coinvolgere, tra gli altri, grandi player del turismo digitale quali Booking, Aribnb, HomeAway, Expedia, eDreams, Priceline, Opodo, Hotels.com, GoVoyages.com, Trivago, Kayak o TriAdvisor, oltre a Social Network quali Facebook e Twitter, motori di ricerca (Google), aziende dell’ICT, testate di settore e Centri di Ricerca Internazionali. E nel 2015 e 2016 è stata scelta da Best Western come location della convention nazionale del gruppo; mentre tra i suoi sponsor compaiono grandi aziende come Oracle, Enel, SIHotels, Telecom, Emirates, Allianz, Unicredit, Airplus, Toscana Aeroporti.


Dal 2008 al 2017, inoltre, i ricavi della manifestazione hanno avuto una crescita media annua del 10%-15%, in maggioranza derivanti da aziende espositrici e sponsor. Gli accrediti individuali per l’edizione più seguita sono stati 4300, con la presenza di 62 aziende e un palinsesto di 159 appuntamenti nelle due giornate dell’evento con il 20% di speaker internazionali. Rilevante anche la presenza sui media online e tradizionali, con un incremento costante della copertura e il coinvolgimento di oltre 400 giornalisti e blogger italiani e stranieri.


Dopo i progetti regionali Love me in Tuscany (wedding), Wine Architecture, La Via Francigena Toscana e il progetto Valdichina Living, BTO – Buy Tourism Online è la quinta Good Practice presentata dalla Toscana nell'ambito del progetto BRAND Tour che ha come obiettivo il miglioramento della capacità di sviluppare il turismo attraverso la promozione, l’innovazione e la diversificazione dell’offerta. Ma anche l’implementazione degli strumenti di policy necessari a sviluppare nuovi prodotti turistici personalizzati che possano soddisfare target emergenti e favorire i flussi turistici inbound verso l’Unione Europea.


Il tutto partendo dall’esperienza delle buone pratiche dei partner di progetto che, oltre alla Toscana, rappresentata dalla Regione (capofila) e dall’Agenzia Toscana Promozione Turistica, sono: la Regione di Creta (HE), il Ministero dell’Economia della Lettonia (LV), il Consiglio economico di East-Flanders (BE), il Tavolo per il turismo di South-Limburg (NL) e l’Agenzia per il turismo della Regione Isole Baleari.