Il turismo pratica sostenibile per una economia circolare al festival Recò

Un nuovo modo di pensare l’economia, una nuova maniera di immaginare prodotti e processi di produzione virtuosi, poco impattanti, equi e ad alto valore sociale e territoriale. E’ la sfida che parte da Prato con la prima edizione di Recò, l’unico festival in Toscana dedicato all’economia circolare, che si terrà dal 21 al 24 marzo in diverse location diffuse in città, in un percorso di incontri, musica, teatro.

Al turismo circolare e sostenibile sarà dedicato uno spazio centrale durante il festival. Per dare un’idea di cosa significhi turismo sostenibile occorre partire da quello “insostenibile”: un turismo di massa, preconfezionato, veloce, impattante per l’ambiente. Il turismo slow e sostenibile è al contrario una filosofia che si traduce nel vivere l’esperienza del viaggio e del soggiorno prendendosi il tempo necessario per apprezzare tutto quello che il luogo visitato può offrire: conoscenza e (ri)scoperta di cibi tipici e a km zero, soggiorno in strutture attente dal risparmio energetico e alla raccolta differenziata, condivisione di valori per un turismo più genuino e in simbiosi con la natura. Per chi viaggia in chiave slow è cresciuta la volontà di andar oltre alla guida turistica volendo conoscere, prima di acquistare un determinato servizio, l’impatto ambientale di una struttura turistica e la sensibilità ecologica dei gestori o la provenienza e del cibo.

Tre gli incontri specifici che si terranno durante il festival. Si comincia il 21 marzo al Museo del Tessuto (ore 16-18.30) con “Turismo, industrie culturali e creative: sinergie e nuove opportunità”, workshop finale del progetto europeo CreativeWEAR e Presentazione Creative Hub (Valencia, Prato, Palermo, Atene, Croazia, Slovenia).

Le più avanzate esperienze di turismo sostenibile e circolare sviluppate in Italia saranno invece al centro dell’incontro “Verso un’accoglienza turistica sostenibile”, venerdì 22 marzo (ore 10-13), coordinato dal laboratorio ARCO del PIN – Polo Universitario Città di Prato al Salone Consiliare del Comune di Prato. Tra le esperienze che saranno analizzate quelle degli EcoRistoranti e degli EcoAlberghi del Piemonte, il turismo accessibile per i disabili in Puglia, lo sviluppo ecoturistico delle zone rurali e montane in Armenia ed altre esperienze di rilievo.

Sabato 23 marzo al Centro Pecci (ore 10-13) focus sull’itinerario della lana e della seta, nuova opportunità per conoscere territori, storie, paesaggi e personaggi lungo un percorso outdoor, al ritmo del cammino a passo lento. La presentazione, a cura del Club Alpino Italiano, si svolgerà nell’ambito del panel “Il Turismo Circolare”, coordinato dallo scrittore e giornalista Emilio Casalini. Al termine dell’incontro i partecipanti potranno visitare la mostra sul piano operativo della Città di Prato.

SCARICA IL PROGRAMMA (.pdf)

Redazione
About Redazione 332 Articoli
TPT Magazine è il periodico di informazione dell'Agenzia regionale Toscana Promozione Turistica. Nato nel 2016 è TPT Magazine è una testata che si rivolge, principalmente, al trade turistico sia italiano che internazionale con aggiornamenti sui trend e le principali novità riguardanti il settore turismo e la promozione turistica in Toscana. TPT Magazine è a cura del settore IT & Comunicazione di Toscana Promozione Turistica.