Buy Tuscany: affari a gonfie vele per l’edizione 2017

Buy Tuscany 2017 - Un momento delle contrattazioni alla Stazione Leopolda di Firenze
Buy Tuscany 2017 - Un momento delle contrattazioni alla Stazione Leopolda di Firenze
Print pagePDF pageEmail page

3.500 incontri di business in 8 ore, un fatturato finale stimato attorno ai 20 milioni di euro per la prima stagione utile e un livello di soddisfazione dei partecipanti tra i più alti di sempre. Si chiude con questi numeri l’edizione 2017 di Buy Tuscany, inaugurato ieri alla Stazione Leopolda di Firenze con la presentazione del progetto di Digital Science for Social Good per alleggerire Firenze dall’overtourism ed entrato oggi nel vivo con il workshp B2B, fiore all’occhiello di Toscana Promozione Turistica, che ha visto la partecipazione 173 buyer da 40 paesi e 112 seller toscani suddivisi in 5 cluster di prodotto: Leisure; Luxury; Wine Resort; MICE e Wedding.

Ottimo il livello di soddisfazione dei partecipanti all’evento che hanno dato 4.6 punti su 5 a meeting B2B in termini di efficacia e valutato al 100% il tasso di professionalità e di pertinenza degli operatori incontrati, a conferma dell’ottimo lavoro di matchmaking svolto nella fase pre-evento. Tutti i tour operator internazionali presenti all’evento hanno inoltre dichiarato di voler incrementare il proprio business in Toscana, a partire proprio dagli operatori incontrati a Buy Tuscany.

Un successo, quello di Buy Tuscany, sotto il quale batte anche un cuore tecnologico: LikeEvent, l’algoritmo di matchmaking messo a punto da UpLink – partner tecnico dell’evento – che, tra perfect matching e best matching, è riuscito a ottenere un livello di soddisfazione superiore all’84% per l’agenda incontri già nella fase pre-evento. Un livello importante e superiore a tutte le scorse edizioni ottenuto grazie all’ottima profilazione e all’attivismo elevato in fase di espressione delle preferenze da parte degli operatori già a partire dal mese di luglio.

Organizzare un evento come Buy Tuscany, d’altronde, non è cosa semplice e la macchina di Toscana Promozione Turistica si mette in modo già ad inizio anno per opzionare la location e poi procedere con la selezione dei buyer da invitare all’evento e dei seller. Selezione basata su una profilazione dettagliatissima, così da gettare le base di un matchmaking che, di edizione in edizione, si è perfezionato sempre di più, garantendo livelli di soddisfazione rari per un evento di questa natura.

Il buon esito delle contrattazioni è, inoltre, coadiuvato da una sezione di warm-up immediatamente precedente il workshop. Tre giorni durante i quali i buyer internazionali di Buy Tuscany hanno modo di testare con mano gli alti standard e la grande varietà dell’offerta turistica toscana grazie ad una serie di tour che li portano su tutto il territorio regionale.

Undici quelli di questa edizione: 2 i tour dedicati al settore Lusso, che hanno toccato la Maremma e i più bei Wine Resortdella Toscana; 1 tour è stato dedicato al Wedding, mentre altri 8 ai vari segmenti della cosiddetta offerta Leisure. In questi casi i programmi hanno portato i partecipanti sul territorio fiorentino, su quello di Prato e nel pistoiese. Dal Monte Amiata alla Francigena, invece si sono sviluppati i 4 tour dedicati all’Outdoor, mentre sulla costa toscana si è mosso il gruppo del tour Gourmet. Infine un apposito tour è stato dedicato al cicloturismo.

Redazione
About Redazione 182 Articoli

TPT Magazine è il periodico di informazione dell’Agenzia regionale Toscana Promozione Turistica. Nato nel 2016 è TPT Magazine è una testata che si rivolge, principalmente, al trade turistico sia italiano che internazionale con aggiornamenti sui trend e le principali novità riguardanti il settore turismo e la promozione turistica in Toscana. TPT Magazine è a cura del settore IT & Comunicazione di Toscana Promozione Turistica.